More blog posts in CHRIST EMBASSY ITALIAWhere is this place located?
1 2 3 4 Previous Next

CHRIST EMBASSY ITALIA

47 Posts authored by: Blw Ce.Bari
Blw  Ce.Bari

ROR English Jan 9, 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 9, 2012

Be Mindful Of Your New Nature · monday, january 9th ·

 

Pastor Anita

Lie not one to another, seeing that ye have put off the old man with his deeds; And have put on the new man, which is renewed in knowledge after the image of him that created him (Colossians 3:9-10).

 

Pastor Anita

God has brought you out of darkness into His Kingdom of light; the Kingdom of His dear Son (Colossians 1:13). Therefore, you must let go of any attitude that’s not of God. In 1 Corinthians 6:5-9, the Apostle Paul rebuked the Christians in Corinth because their way of life didn’t portray the new nature of righteousness they had received. As a new creation, it’s important you recognize that you’ve been completely delivered from the worldly lifestyle. You’re not the same man you were before you were born again. Your old nature was supplanted with God’s nature of righteousness.

The Bible says, "Therefore, if anyone is in Christ, he is a new creation. Old things have disappeared, and-look!-all things have become new!" (2 Corinthians 5:17 ISV). The old lifestyle, old ways of thinking and of doing things have been supplanted. People may still call or address you by the same name with which they knew you prior to your rebirth; they may call you a smoker, a drunk, a liar or any other name; it makes no difference. The Bible says, "And such were some of you: but ye are washed, but ye are sanctified, but ye are justified in the name of the Lord Jesus, and by the Spirit of our God" (1 Corinthians 6:11).

Notice it didn’t say "and such are some of you…", rather it says, "…and such were some of you," because now that you’re in Christ you’ve been cleansed of all unrighteousness. You’ve been separated from sin unto God, and declared righteous, in the Name of the Lord, and by the Spirit of our God! The blood of Christ, who through the eternal Spirit offered Himself without spot to God, has purged your conscience from dead works to serve the living God (Hebrews 9:14).

God wants you to recognize your new identity— see the picture of the new you and live that way. You don’t know what you really look like until you look into the mirror of God—His Word. It’s the mirror that shows your real picture in Christ Jesus. It shows that the old life with which you were born by your parents doesn’t matter now, for things have changed! You’re now a new creation. Your conduct as a Christian must now reflect your new personality in Christ Jesus—your new nature, which is the nature of righteousness.

Confession

I’ve put on the new nature of righteousness. I have in my spirit the incorruptible life of God. This new life is in every cell of my blood, every bone of my body, and in every fiber of my being! Today, I walk in the reality of the new life of righteousness which I’ve received in Christ. Amen.

f u r t h e r s t u d y: Ephesians 4:24

Daily Scripture Reading

1 Year Reading Plan : Genesis 23-24 ; Matthew 7:7-29

2 Year Reading Plan : Matthew 5:1-10 ; Genesis 9

Blw  Ce.Bari

ROR English 5 Jan 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 5, 2012

Rule Over Your Spirit · thursday, january 5th ·

 

Pastor Chris

Like a city whose walls are broken down is a man who lacks self-control (Proverbs 25:28 NIV).

 

Pastor Chris

Someone once asked me "Pastor Chris, how do I get over my addictions? I have tried speaking to them but I am still tempted to do the same things. What should I do?" First, you’re not supposed to be speaking to your addictions, but to yourself. You can talk to your addictions all year long, but nothing will change. Secondly, you have to add some other qualities to your faith; such as temperance; this will help you gain the mastery over any addiction.

What anyone who’s struggling with addiction needs is to exercise rule over his spirit. You declare to yourself "I have self-control and I am going to put it to work; I have rule over my spirit." When you make such declarations, it will pilot you and help you bring your thoughts, will, emotions and physical senses into subjection to the Word of God. The word translated ‘rule’ in Hebrew is ‘matsar’ and is akin to the Greek word "Egkrateia" which means temperance or self-control. It’s restraint exercised over one’s own impulses, emotions or desires. It means to hold oneself in.

2 Peter 1:5-6 says "And beside this, giving all diligence, add to your faith virtue; and to virtue knowledge; And to knowledge temperance…."God wants you to have rule over your spirit, that’s why He put these beautiful qualities in your spirit to make you fruitful always.

The Apostle Paul in Galatians 5:22-23 lists temperance as a feature of your recreated human spirit: "But the fruit of the spirit is love, joy, peace, longsuffering, gentleness, goodness, faith, Meekness, temperance: against such there is no law." No Christian should say "Well, I can’t control my desires" or "I have no rule over my spirit." What you need do is to let your spirit gain the mastery. Through the agency of the Word of God and the influence of God’s Spirit, your spirit is regulated to gain the mastery over your mind, body and emotions.

 

Prayer

Dear Father, I declare that I am not under servitude to any attitude, habit, addiction or lifestyle that is inconsistent with your perfect will for me. I allow your Word to have full control over my spirit, soul and body; I have the ability to make the right judgments and choices in Jesus’ Name. Amen.

 

f u r t h e r s t u d y: 2 Peter 1:5-9; Proverbs 16:32

Daily Scripture Reading

1 Year Reading Plan : Matthew 5:1-20; Genesis 12-14

2 Year Reading Plan : Matthew 3:1-9; Genesis 5

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 5 Gen 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 5, 2012

Prendi Controllo Del Tuo Spirito · giovedì, 5 gennaio ·

Pastor Chris

PASTORE CHRIS

Come una città le cui pareti sono crollate è un uomo che manca di autocontrollo (Proverbi 25:28 NIV).

Qualcuno una volta mi chiese: "Pastor Chris, come posso superare la mia dipendenza? Ho cercato di parlare loro, ma sono ancora tentato di fare le stesse cose. Cosa devo fare?" In primo luogo, non devi parlare alle tue dipendenze, ma a te stesso. Puoi parlare alle tue dipendenze tutto l’anno, ma non cambierà nulla. In secondo luogo, è necessario aggiungere alcune altre qualità alla tua fede, come la temperanza, questo ti aiuterà ad avere padronanza su tutte le dipendenze.

Ciò di cui ha bisogno chi è in lotta con la propria dipendenza è di esercitare il controllo sul suo spirito. Deve dichiarare a se stesso: "Ho l’autocontrollo e ho intenzione di metterlo in funzione. Ho dominio sul mio spirito" Quando fai tale dichiarazione, ti pilota e ti aiuta a portare i tuoi pensieri, volontà, emozioni e sensi fisici alla sottomissione alla Parola di Dio. La parola tradotta ‘regola’ in ebraico è ‘matsar’ ed è simile alla parola greca "Egkrateia" che significa temperanza o autocontrollo. Essa è la moderazione esercitata su propri impulsi, emozioni o desideri. Significa trattenersi.

Senza questa qualità, si è vulnerabili o sensibili agli attacchi del nemico. Proverbi 25:28 dice: "Una città smantellata o senza mura tale è l’uomo che non sa dominare la collera" E questo è terribile! Il nemico può entrare in quella città e saccheggiarla perché le pareti sono sbrisciolate. Rifiuta di essere una città senza mura, abbi dominio sul tuo spirito. 2 Pietro 1:5-9 dice: "E accanto a questo, dando ogni diligenza, aggiungete alla vostra fede la virtù, alla virtù la conoscenza, alla conoscenza la temperanza...." Dio vuole che tu abbia dominio sul tuo spirito, è per questo che ha messo queste belle qualità nel tuo spirito per renderti sempre produttivo.

L’Apostolo Paolo in Galati 5:22 ha elencato la temperanza come una caratteristica del tuo spirito ricreato umano: "Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, dolcezza, temperanza: contro queste cose non c’è legge." Nessun cristiano dovrebbe dire" Beh, non posso controllare i miei desideri " o " Non ho dominio sul mio spirito".Quello che devi fare è lasciare che il tuo spirito ottenga la padronanza. Attraverso l’azione della Parola di Dio e l’influsso dello Spirito di Dio, il tuo spirito viene regolato per ottenere il dominio su mente, corpo ed emozioni.


Preghiera

Caro padre, io dichiaro che non sono sotto la servitù di qualsiasi atteggiamento abitudine, dipendenza o stile di vita che sia in contrasto con la Tua volontà perfetta per me. Io permetto alla Tua Parola di avere il pieno controllo sul mio spirito, anima e corpo, pertanto, ho la capacità di fare i giudizi e le scelte giuste nel nome di Gesù. Amen.


ULTERIO RI STUDI :2 Pietro 1:5-9; Proverbi 16:32

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Matteo 5:1-20; Genesi 12-14

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Matteo 3:1-9; Genesi 5

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 3 Gen 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 3, 2012

2012 e-cards copy 2.jpg

Servire il Signore Con Tutto Il Tuo Cuore · martedì, 3 gennaio

PASTORE ANITA

Fà bene attenzione a me, figlio mio, e tieni fisso lo sguardo ai miei consigli (Proverbi 23:26).

Dal nostro versetto di apertura qui sopra è chiaro ciò che il Signore desidera: che il tuo cuore, e i tuoi occhi osservino le Sue vie. Vuole che tu Lo serva e Lo segua con la devozione di tutto il tuo cuore. Confida nel Signore con la tua vita e il tuo futuro senza riserve.

All’inizio di un nuovo anno come adesso, ci sono quelli che sono preoccupati e incerti su ciò che l’anno porta. Ma come figlio di Dio non è necessario avere preoccupazioni, paure o incertezze riguardo all’anno. Basta assicurarsi di vivere ogni giorno dell’anno, nella volontà di Dio, impegnandosi nel fare la Sua opera. Altri possono chiamarti sciocco perchè ami il Signore e Lo servi con la tua vita, ma non si può mai essere pazzo per la fede.

Nulla si può paragonare a vivere per Gesù. È la vocazione e l’onore più alto! La Bibbia dice: "Egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma solo per colui che è morto ed è risuscitato per loro" (2 Corinzi 5:15 GNB). L’uomo o la donna che cammina con il Signore è ben posizionato nella vita, lui è quello descritto nel Salmo 1:3 come un albero piantato lungo i corsi d’acqua, tutto quello che fa prospererà. Egli sperimenta la massima soddisfazione e gioia nella vita, perché la sua passione, le emozioni, i desideri e gli appetiti sono fondati su Cristo e la propagazione del Vangelo.

Dedicati personalmente al Signore questo anno più che mai. Lascia che Egli abbia voce in tutto quello che fai; segui la Sua Parola e cedi alla guida dello Spirito Santo. Prendi sul serio gli atti di culto e di devozione, non saltare i servizi di Chiesa, gli incontri di gruppo e le altre attività spirituali nella tua assemblea locale. Segui il Signore con tutto il cuore e servilo con la tua vita! Prenditi un impegno preciso di vivere per Lui e fare solo la Sua volontà, e insegnare agli altri a fare lo stesso.


Confessione

Ribadisco oggi, la mia determinazione nel servire Te con la mia vita e nel seguirti nella Parola, secondo la Parola e attraverso la Parola. La mia vita è per la Tua gloria, e io vivo oggi per portarti onore, come Ti servo con diligenza ed eccellenza! Tu sei tutto quello per cui io vivo: grazie per l’opportunità di conoscere e servire Te! Tu sei la personalità del mio più profondo affetto.


ULTERIO RI STUDI :Colossesi 3:1-4; Isaia 40:31; Deuteronomio 6:5

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Matteo 3; Genesi 6-8

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Matteo 2:1-12; Genesi 3

Blw  Ce.Bari

Welcome to 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 2, 2012

Yr of D woG.jpg

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 2 Gen 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 2, 2012

Il Suo Invito Aperto · lunedì, 2 gennaio · 

Pastor Chris

PASTORE CHRIS

In quel giorno non mi domanderete più nulla. In verità, in verità vi dico: Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena (Giovanni 16:23-24 TLB).

 


Se c’è qualcosa che desiderate, potete mettere la vostra fede all’opera oggi per un miracolo. Puoi chiedere al Padre nel Nome di Gesù, e ricevere la risposta! Il Signore non vuole che tu sia triste, amareggiato o frustrato nella vita. Se hai vissuto questa esperienza, è il momento di cambiare. È un nuovo giorno, l’inizio di un nuovo anno, e lo puoi rendere glorioso. È possibile creare un nuovo destino per te stesso, perché Dio vuole che la tua gioia sia piena, non solo a volte, ma sempre. È per questo che Egli ti ha invitato apertamente a chiedere qualsiasi cosa nel Nome di Gesù e aspettare delle risposte: "Perché chiunque chiede riceve..." (Matteo 7:8).

Non solo il Signore è in grado, ma è altrettanto disposto a concedere qualsiasi richiesta fatta a Lui. Per questo Gesù con eccitazione e sicurezza ha detto in Luca 11:9, "Chiedete e vi sarà dato...." Dio è un donatore; Egli dona generosamente e gentilmente a tutti, senza trattenere (Giacomo 1:5). Romani 8:32 dice: "Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo consegnò per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con Lui?" Questo descrive la liberalità e la benevolenza del tuo Padre celeste verso di te! Egli non ritiene che nulla sia troppo buono per te. La Bibbia dice che Egli ci dà abbondantemente ogni cosa per goderne (1 Timoteo 6:17).

Il tuo dovere è di agire secondo il Suo invito aperto chiedendo nel Nome di Gesù, e ricevere. Gesù disse in Luca 12:32 "Non temere, piccolo gregge, perché è piaciuto al Padre vostro di darvi il suo regno." Il Signore si diletta nel benedire e farti del bene. La Scrittura dice che Egli quotidianamente ci carica con i benefici (Salmo 68:19).

Ricordati sempre che il Signore è interessato a te: è la Sua gioia rispondere alle tue preghiere e concederti i desideri del tuo cuore. Giovanni 15:7 dice: "Se dimorate in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete, e vi sarà fatto" Questa è la tua sicurezza: che dimori in Lui, e la Sua parola dimora in te, quindi tutto quello che chiederai in preghiera, credendo, riceverai, e il tuo calice di gioia sarà stracolmo!


Preghiera

Sia benedetto il Signore, che ogni giorno mi carica di benefici, proprio il Dio della mia salvezza. Gioisco estremamente oggi sapendo che le Tue orecchie sono attente alle mie preghiere, per concedermi i desideri del mio cuore. Grazie tante, benedetto Signore, per l’opportunità e il privilegio di chiedere qualsiasi cosa in nome di Gesù e ricevere risposte! La mia gioia oggi trabocca nel Nome di Gesù. Amen.


ULTERIO RI STUDI :Matteo 7:9-11; Matteo 21:22

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Matteo 2; Genesi 3-5

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Matteo 1:15-25; Genesi 2

Blw  Ce.Bari

Buon duemiladodici !

Posted by Blw Ce.Bari Jan 1, 2012

Giovanni 1:1-14 (La Parola è Vita)

 

HAPPY NEW YEAR 2012.gif

 

La luce nel mondo

1 All'inizio c'era la Parola. La Parola era con Dio ed era Dio.

2 Dall'inizio era con Dio.

3 Ogni cosa venne all'esistenza per mezzo suo e senza di lui non è stato fatto nulla di cio che è stato creato.

4 In lui c'è la vita e questa vita dà luce a tutta l'umanità.

5 La sua luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno ricevuto.

6 Dio mando un uomo di nome Giovanni [Battista]

7 per testimoniare riguardo questa luce e per dare a tutti la possibilità di credere.

8 Giovanni non era la luce; era soltanto un testimone.

9 Doveva ancora giungere colui che è la vera luce, che illumina ogni essere umano.

10 Benché era nel mondo, che egli stesso aveva creato, quando venne, il mondo non lo riconobbe.

11 Non fu accettato neppure nel proprio paese, fra la sua gente.

12 Ma a tutti quelli che lo hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio, cioè a coloro che credono in lui.

13 Non diventano figli di Dio per una rinascita fisica, risultante dalla volontà dell'uomo o dalla sua passione, ma sono nati da Dio.

14 La Parola divenne uomo e visse qui fra noi, e noi abbiamo visto la sua gloria, la gloria dell'unico Figlio del Padre pieno di grazia e di verità.

 

La sua gloria è puerzza, la sua gloria è Chiarezza, la sua gloria è bellezza, la sua gloria è splendore, la sua gloria è santità !!

A-L-L-E-L-U-I-A-!-!-!

Blw  Ce.Bari

2012!

Posted by Blw Ce.Bari Jan 1, 2012

Hip! hipi!! hip!!!   Huray!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il mio anno della PAROLA DI DIO!

 

Rakabaye!!!!!

 

 

Buon Anno a tutti!

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 1 Gen 2012

Posted by Blw Ce.Bari Jan 1, 2012

Posizionato Per La Gloria · domenica, 1 gennaio

Pastor Chris

PASTORE CHRIS

Ed era ben giusto che colui, per il quale e del quale sono tutte le cose, volendo portare molti figli alla gloria, rendesse perfetto mediante la sofferenza il capo che li ha guidati alla salvezza (Ebrei 2:10).

Benvenuto nel 2012! Che anno grandioso. Sono particolarmente grato al Signore per tutto ciò che ci ha aiutato a raggiungere nel 2011, come abbiamo amministrato il Vangelo in tutto il mondo. Ma poi guardando il nuovo anno, sono ancora più entusiasta e grato a Lui per la gloria, le vittorie e i successi che Lui ha previsto e nei quali ci ha posizionati per tutto l’anno. C’è una grande effusione della grazia soprannaturale su di noi per ottenere ancora di più quest’anno, ben oltre le nostre aspettative.

Aspettati un anno glorioso e fecondo con fede, coraggio ed entusiasmo. Come figlio di Dio cammini in sentieri preordinati, quindi per quanto riguarda il nuovo anno, il Signore ti ha predestinato solamente per la vittoria e il successo. Forse, l’anno scorso, avevi delineato così tante cose che volevi raggiungere, ma alla fine dell’anno, non tanto è venuto a succedere. Non ti devi disperare, ma piuttosto devi scoprire dove ti sei perso! Segna quelle cose che avresti dovuto fare per aiutarti a raggiungere questi obiettivi che non hai raggiunto, e decidi di non ripetere gli stessi errori quest’anno.

Dio ti ha posizionato per una gloriosa esperienza quest’anno. Quello che ti serve è lasciare che la tua visione di vita sia dal punto di vista della Sua Parola. Vivi alla luce della Sua Parola per l’anno e non osservare o interpretare le situazioni dal regno dei sensi. Ha già fatto tutto ciò che è necessario per te perchè tu viva la Sua gloria nella tua vita: "La Sua potenza divina ha dato a noi tutte le cose che appartengono alla vita e la pietà, mediante la conoscenza di colui che ci ha chiamati alla gloria e virtù" (2 Pietro 1:3).

Questa è la realtà presente. Hai ricevuto la vita e la natura di Dio nel momento in cui sei nato di nuovo, e subito, sei stato posizionato per la grandezza e separato per l’eccellenza e il successo. Tutto il necessario per godersi la vita fino in fondo ed essere tutto ciò che Dio ti ha creato perchè tu lo fossi ti è stato concesso. Quindi devi dire a te stesso, "ho intenzione di compiere tutto ciò che il Signore mi ha destinato ad ottenere quest’anno, attraverso il potere della Sua Parola e la capacità del Suo Spirito che è all’opera in me!" Alleluia!"

Preghiera

Caro Padre, Ti ringrazio per avermi posizionato per la gloria, il successo e l’eccellenza, dopo avermi concesso tutto quello di cui ho bisogno per vivere vittoriosamente sulla terra, per la gloria del Tuo Nome. Oggi, io sono pilotato dalla Tua Parola e dallo Spirito nel regno della gloria, dove regno e governo con Te per sempre, nel nome di Gesù.


ULTERIO RI STUDI :Efesini 2:10 AMP; Romani 8:30

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Matteo 1; Genesi 1-2

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Matteo 1:1-14; Genesi 1

netlog pic.jpg

"Non avete, perché non domandate"



"Non ho potuto allontanarmi da queste cinque parole, esse sono con me giorno e notte. Hanno trasformato le mie idee, i miei metodi, la mia vita, e il mio servizio per Dio".

Troverete queste cinque parole in Giacomo 4:2, le ultime parole che concludono il verso: "Non avete, perché non domandate".


Il Segreto Della Debolezza dei Cristiani

Queste cinque parole contengono il segreto della povertà e della fiacchezza del credente medio, del ministro medio, e della chiesa media. "Perché", si chiedono molti Cristiani, "progredisco così miseramente nella mia vita cristiana? Perché ho così poca vittoria sul peccato? Perché vinco così poche anime a Cristo? Perché la mia crescita spirituale è così lenta nel diventare sempre più simile al mio Signore e Salvatore Gesù Cristo?". E Dio risponde con le parole del testo: "Trascurate la preghiera. Non avete, perché non chiedete".

"Perché", si chiedono molti ministri, "il mio ministero produce così pochi frutti? Perché ci sono così poche conversioni? Perché la mia chiesa cresce tanto lentamente? Perché i membri della mia chiesa ricevono così poco aiuto dal mio ministero, e crescono tanto poco nella conoscenza e nella vita cristiana?". E di nuovo Dio risponde: "Trascurate la preghiera. Non avete, perché non chiedete".

"Perché", si chiedono tanto i ministri quanto le chiese, "la chiesa di Gesù Cristo sta avanzando tanto lentamente nel mondo oggi? Perché fa così pochi progressi contro il peccato, contro l'incredulità, contro l'errore in tutte le sue forme? Perché ha così poca vittoria sul mondo, sulla carne, e sul diavolo? Perché il membro di chiesa medio vive una vita cristiana su un piano tanto basso? Perché il Signore Gesù Cristo riceve così poco onore dallo stato della chiesa oggi?". E, ancora, Dio risponde: "Trascurate la preghiera. Non avete, perché non chiedete".


La Vittoria Della Prima Chiesa

Quando leggiamo l'unica storia mai scritta sulla chiesa ispirata, la storia della chiesa dei giorni degli apostoli come è riportata da Luca - sotto l'ispirazione dello Spirito Santo - negli Atti degli Apostoli, cosa troviamo? Troviamo una storia di continua vittoria, una storia di avanzamento perpetuo. Leggiamo, per esempio, affermazioni come quelle in Atti 2:47: "Il Signore aggiungeva ogni giorno alla loro comunità quelli che venivano salvati", e Atti 4:4: "Molti di coloro che avevano udito la Parola credettero; e il numero degli uomini salì a circa cinquemila", e Atti 5:14: "Così si aggiungeva al Signore un numero sempre maggiore di credenti, moltitudini di uomini e donne". Inoltre, Luca in Atti 6:7 afferma: "Intanto la parola di Dio si diffondeva, e il numero dei discepoli si moltiplicava grandemente in Gerusalemme; e anche un gran numero di sacerdoti ubbidiva alla fede".

E così via, capitolo dopo capitolo, attraverso i ventotto capitoli degli Atti, e in ciascuno dei singoli capitoli che seguono il primo, troviamo la stessa nota di vittoria. Una volta lessi il libro degli Atti degli Apostoli segnando ogni nota di vittoria presente in ogni capitolo, e senza alcuna eccezione il grido trionfante della vittoria risuonò in tutti i capitoli. Quanto è diversa la storia della chiesa qui riportata con quella della storia della chiesa di Gesù Cristo dei nostri tempi!
Prendiamo, ad esempio, la prima affermazione: "Il Signore aggiungeva ogni giorno alla loro comunità quelli che venivano salvati". Perché, oggigiorno, se abbiamo un risveglio una volta all'anno, con cinquanta o sessanta nuovi credenti, passiamo il resto dell'anno tornando indietro dov'eravamo prima, e pensiamo di star facendo grandi cose? Ma in quei giorni il risveglio era costante, e ogni giorno altre persone non soltanto si accostavano, ma "venivano [davvero] salvati".

Perché questa differenza tra la chiesa primitiva e la chiesa di Gesù Cristo oggi? Qualcuno risponderà: "Perché oggi c'è molta opposizione". Ah, ma l'opposizione esisteva anche in quei giorni, ed era molto più amara, determinata, e inesorabile di quella che voi e io incontriamo oggi. Però la chiesa primitiva procedé vincendo ogni opposizione, superando ogni ostacolo, conquistando ogni avversario, sempre vittoriosa, senza sconfitte da Gerusalemme a Roma, sotto gli occhi del paganesimo più fermamente trincerato e dell'incredulità più ostinata. Ripeto la domanda: "Perché?". Se vi rivolgerete ai capitoli dai quali ho tratto i versi citati, otterrete la risposta.


Preghiera Perseverante

Leggete, ad esempio, Atti 2:42: "Ed erano perseveranti nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nella comunione fraterna, nel rompere il pane e nelle preghiere". Questa è un'immagine molto breve ma suggestiva della chiesa primitiva. Era una chiesa che pregava. Era una chiesa in cui i credenti pregavano, non solo occasionalmente, ma quando tutti "erano perseveranti . . . nelle preghiere". Tutti pregavano, non un gruppo selezionato, ma tutti i membri della chiesa; e tutti pregavano continuamente con perseveranza. "Essi diedero se stessi alla preghiera", come la stessa parola greca è tradotta in Atti 6:4.

Ora volgetevi ad Atti 6:4 e otterrete il resto della risposta: "Noi continueremo a dedicarci alla preghiera e al ministero della Parola". Questa è un'immagine del ministero apostolico: era un ministero di preghiera, e un ministero che "dava continuamente se stesso alla preghiera", o, per tradurre quella parola greca come è tradotta nel passaggio precedente (Atti 2:42): "Erano perseveranti . . . nelle preghiere". Una chiesa che pregava e un ministero di preghiera! Ah, una tale chiesa e un tale ministero può ottenere tutto quello che deve essere raggiunto. Andrà stabilmente avanti, vincendo ogni opposizione, superando ogni ostacolo, conquistando ogni avversario, oggi come era ai tempi degli apostoli.


L'Allontanamento dei Nostri Giorni Dalla Preghiera

Non c'è nient'altro in cui la chiesa e il ministero di oggi o, per essere più espliciti, voi e io ci siamo allontanati maggiormente e più dolorosamente rispetto ai tempi apostolici, che in questa questione della preghiera. Non viviamo in un tempo di preghiera. Una quantità davvero considerevole di credenti delle nostre chiese evangeliche di oggi non credono neppure teoricamente nella preghiera. Molti di essi credono che la preghiera abbia per così dire una sorta di influenza benefica riflessa, un beneficio per la persona che prega, che la solleva spiritualmente. Ma per quanto riguarda il credere che per mezzo della preghiera possa accadere qualcosa che altrimenti non sarebbe accaduto, essi non credono, e molti, tra cui alcuni dei nostri "ministri moderni", lo ammettono francamente. Credo che siano ancora una vasta maggioranza nelle nostre chiese evangeliche coloro che non fanno uso di questo potente strumento che Dio ha messo nelle nostre mani. Come ho detto, non viviamo in un tempo di preghiera. Viviamo in un tempo di fretta e confusione, di sforzi umani e determinazione umana, della confidenza dell'uomo in se stesso e nel suo potere di raggiungere gli obiettivi, un'era di organizzazioni e sistemi umani, spinte e macchinazioni umane, e conseguimenti umani, che nelle cose di Dio significano del tutto nessun vero conseguimento.

Penso che si possa certamente dire che la chiesa di Cristo non è stata mai in tutta la sua storia tanto pienamente, abilmente, completamente e perfettamente organizzata come lo è oggi. I nostri sistemi sono magnifici; sono perfetti, ma,  sono privi di potenza; e quando le cose non vanno bene, invece di guardare alla vera fonte del nostro fallimento, cioè al fatto di aver trascurato di dipendere da Dio e di guardare a Dio per ricevere potenza, ci guardiamo attorno per vedere se possiamo costruire qualche altra organizzazione, o se c'è qualche nuovo ingranaggio che possiamo aggiungere al nostro apparato. Ma ne abbiamo già fin troppi. Ciò di cui abbiamo bisogno non è tanto qualche nuova organizzazione, o qualche nuovo ingranaggio, ma è lo Spirito vivente che già possediamo.

Credo che il diavolo si fermi a guardare la chiesa di oggi e rida sotto i baffi nel vedere come i membri della chiesa dipendono dai loro piani e dalla loro capacità organizzativa e dai loro sistemi abilmente ideati. "Ha, ha", ride egli, "potete avere i vostri boy scout, i vostri costosi locali di culto, i vostri organi da chiesa del costo di svariate migliaia di dollari, i vostri brillanti predicatori che hanno studiato in università, i vostri cori di gran prezzo, i vostri soprani e tenori di gran talento, i vostri meravigliosi quartetti, le vostre immense classi bibliche, si, e le vostre conferenze bibliche, e i vostri istituti biblici, e i vostri servizi evangelistici speciali, tutto ciò che volete. Queste cose non mi turbano minimamente, se soltanto lascerete fuori da tutto ciò la potenza del Signore Iddio onnipotente che si cerca e si ottiene con quella preghiera sincera, perseverante, fiduciosa, che non riceve 'no' come risposta".
Ma quando il diavolo vede un uomo o una donna che prega con vera fede, che sa come pregare, e che realmente prega, e, ancor più, quando vede un'intera chiesa davanti a Dio in preghiera, egli trema come non mai, poiché sa che i suoi giorni in quella chiesa o comunità sono finiti.

La preghiera ha oggi la stessa potenza di ieri, quando uomini e donne sono riuniti in preghiera seguendo le condizioni per una preghiera vittoriosa. Dio non è cambiato, e il Suo orecchio ascolta con la stessa rapidità la voce della preghiera autentica, e la Sua mano ha la stessa forza di salvare come in passato. "Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi, per non darvi più ascolto" (Isaia 59:1,2).
La preghiera è la chiave che apre tutti i depositi della grazia e potenza infinita di Dio. Tutto quello che Dio è, e tutto quello che Dio possiede, sono a disposizione del credente. Ma dobbiamo usare la chiave. La preghiera può ottenere tutto quello che Dio può fare, e poiché Dio può fare ogni cosa, lo stesso vale per la preghiera. Nessuno può stare contro chi prega sapendo come pregare e seguendo tutte le condizioni per una preghiera vittoriosa. Il Signore Iddio onnipotente opera da lui e attraverso di lui.


La Preghiera Promuove la Nostra Santità Personale Come Nient'Altro Può Fare, Tranne lo Studio Della Parola di Dio.

Nello specifico, cosa può fare la preghiera? Abbiamo parlato in modo generico; scendiamo ora nel definito e nello specifico. La Parola di Dio risponde molto chiaramente alla domanda.

Innanzitutto, la preghiera promuove la nostra pietà interiore (cioè povertà di spirito, mansuetudine, santo cordoglio, purezza di cuore, fame e sete di giustizia,  la nostra santità individuale, la nostra crescita individuale per somigliare sempre più al nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, e ogni altra cosa, ad eccezione di quello che si riceve mediante lo studio della Parola di Dio. Queste due cose, preghiera e studio della Parola, procedono sempre mano nella mano, poiché non c'è vera preghiera senza studio della Parola di Dio, e non c'è vero studio della Parola di Dio senza la preghiera.

La nostra crescita nella somiglianza del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo sarà esattamente proporzionata al tempo e al cuore che mettiamo nella preghiera.  La metto in questo modo perché ci sono molti che impiegano una gran quantità del loro tempo ma così poco del loro cuore nella preghiera, che alla fine in quel lungo tempo pregano molto poco.

D'altra parte, ci sono altri che, forse, non dispongono di molto tempo per pregare ma mettono tanto del loro cuore nella preghiera da ottenere enormemente di altri che pregano a lungo. Dio stesso ci ha detto in Geremia 29:13: "Voi mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore".
Ci viene detto in Efesini 1:3, che Dio "ci ha benedetti di ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti in Cristo". Cioè, Gesù Cristo mediante la Sua morte di espiazione e la Sua risurrezione e ascensione alla destra del Padre, ha ottenuto per ogni credente in Gesù Cristo ogni possibile benedizione spirituale. Non c'è benedizione spirituale che un altro credente abbia e che tu non possa avere. Ti appartiene ora; Cristo l'ha acquistata con il Suo sacrificio espiatorio e Dio l'ha donata in Lui. È lì per te; ma tocca a te reclamarla, stendere la tua mano e prenderla. Il modo che Dio ha scelto per reclamare le benedizioni procurate per noi da Gesù Cristo con il Suo sacrificio espiatorio è la preghiera. La preghiera è la mano che ci porta le benedizione che Dio ha già provvedute nel Suo Figlio.

Leggete la vostra Bibbia e troverete affermato con certezza che ogni benedizione spirituale concepibile si ottiene mediante la preghiera. Per esempio, è in risposta alla preghiera, come apprendiamo dal Salmo 139, versi 23-24, che Dio ci esamina e conosce i nostri cuori, ci prova e conosce i nostri pensieri, porta alla luce il peccato che è in noi e ce ne libera. È in risposta alla preghiera, come apprendiamo dal Salmo 19, versi 12-13, che siamo purificati dagli errori che ci sono occulti, e che Dio ci trattiene dai peccati volontari. È in risposta alla preghiera, come apprendiamo dal Salmo 25, versi 4-5, che Dio ci mostra le Sue vie, ci insegna il Suo sentiero, e ci guida nella Sua verità. È in risposta alla preghiera, come impariamo dalla preghiera che il nostro Signore stesso ci ha insegnato, che siamo protetti dalla tentazione e liberati dal potere del maligno (Matteo 6:13). È in risposta alla preghiera, come apprendiamo da Luca 11:13, che Dio ci dà il Suo Santo Spirito. E potremmo andare avanti attraverso l'intero catalogo delle benedizioni spirituali e trovare che ciascuna di esse si ottiene chiedendola. Infatti, il nostro Signore stesso ha detto in Matteo 7:11: "Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a coloro che gliele chiedono!"

Uno dei passaggi più istruttivi e suggestivi nell'intera Bibbia, che ci mostra la gran potenza della preghiera nel trasformarci rendendoci sempre più simili al nostro Signore Gesù, si trova in 2 Corinzi 3:18: "E noi tutti, a viso scoperto, contemplando come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella sua stessa immagine, di gloria in gloria, secondo l'azione del Signore, che è lo Spirito". Il pensiero è che il Signore è la luce, e voi ed io siamo come specchi, e quando siamo in comunione con Lui, riflettiamo i raggi della Sua gloria morale nel mondo, "di gloria in gloria". Cioè, ogni volta che siamo in comunione con Lui prendiamo qualcosa di nuovo della Sua gloria e la riflettiamo nel mondo.

Sono certo che ricorderete la storia di Mosè, come egli salì sul monte e rimase per quaranta giorni con Dio, contemplando quell'ineffabile gloria, che risplendé nel suo volto al punto che quando egli scese giù dal monte, dovette coprirsi la faccia con un velo per nascondere quella gloria accecante dagli sguardi dei suoi compagni israeliti.

Così anche noi, salendo sul monte della preghiera, lontani dal mondo, soli con Dio, riceviamo i raggi della Sua gloria, cosicché quando andiamo tra la gente del mondo, non è tanto il nostro volto a rispendere (sebbene credo che a volte anche esso risplenda), quanto il nostro carattere, che risplende con la gloria che abbiamo contemplato. Quando riflettiamo nel mondo la gloria morale di Dio "di gloria in gloria", ogni nuova volta che siamo in comunione con Lui riceviamo qualcosa di nuovo della Sua gloria da riflettere nel mondo. Oh, ecco il segreto di essere trasformati nell'immagine di Dio, rimanendo a lungo da soli con Lui. Meno starete in comunione con Dio, e meno Gli somiglierete.

Uno degli uomini più eccezionali nella storia della Scozia fu John Welch, genero di John Knox, il grande riformatore scozzese. Welch è tanto conosciuto quanto lo è il suo famoso parente, ma sotto certi aspetti è di gran lunga più straordinario di Knox stesso. Molte persone credono che fosse Knox che pregò: "Dammi la Scozia o morirò". Ma non è così, fu John Welch; egli prima di morire disse che era un giorno speso male quel giorno in cui non aveva passato sette o otto ore a pregare "nel segreto" (cfr. Matteo 6:6, N.d.T.).

Quando John Welch giunse in punto di morte, un vecchio scozzese che lo aveva conosciuto fin dalla sua infanzia disse di lui: "John Welch era un tipo di Cristo". Naturalmente, questo è un uso inaccurato del linguaggio, ma quello che il vecchio voleva dire era che il carattere di Gesù Cristo era stato da Lui impresso in John Welch. Quando era accaduto? In quelle sette o otto ore di comunione giornaliera con Lui. Non ritengo che Dio abbia chiamato qualcuno di noi a passare sette o otto ore al giorno in preghiera, ma credo che Dio abbia chiamato la maggior parte di noi, se non tutti, a passare più tempo in preghiera di quanto non facciamo ora. Questo è uno dei grandi segreti della santità, infatti, il solo modo in cui possiamo essere davvero santi e perseverare nella santità.

Alcuni anni fa cantavamo spesso un inno, "Trova il tempo di essere santo". Vorrei che lo cantassimo più spesso in questi giorni. È necessario del tempo per santificarsi, non è una cosa immediata, e molto di questo tempo va impiegato nella preghiera in segreto. Alcune persone esprimono sorpresa nel vedere che oggi i Cristiani professanti siano così poco simili al loro Signore; ma quando mi fermo a pensare a quanto poco tempo oggi il Cristiano medio passa nella preghiera in segreto, la cosa che mi meraviglia è, non che noi siamo così poco simili al Signore, ma che possiamo essere simili a Lui, nonostante il fatto che riserviamo così poco tempo per la preghiera in segreto.


La Preghiera Porta la Potenza di Dio Nella Nostra Opera

Non solo la preghiera incoraggia come nient'altro la nostra santificazione personale, ma la preghiera porta anche la potenza di Dio nella nostra opera. Leggiamo in Isaia 40:31: "Ma quelli che sperano nel Signore acquistano nuove forze, si alzano a volo come aquile, corrono e non si stancano, camminano e non si affaticano"

È il privilegio di ogni figlio di Dio avere la potenza di Dio al proprio servizio. E il verso che abbiamo appena letto ci dice come ottenerla, e cioè "sperando nel Signore".
A volte nelle riunioni si può sentire qualcuno dire - forse oggi non tanto spesso come una volta: "Sto cercando di servire Dio con le mie poche, deboli forze". Bene, se stai cercando di servire Dio con le tue poche e deboli forze, sappi che il tuo dovere è servire Dio con la Sua forza vittoriosa. Ma dirai: "Non ho nessuna capacità naturale". Allora ottieni quella di Dio.

La religione di Gesù Cristo è una religione soprannaturale dall'inizio alla fine; noi dovremmo vivere le nostre vite con potenza soprannaturale, la potenza di Dio attraverso Gesù Cristo, e svolgere il nostro servizio con potenza soprannaturale, la potenza di Dio ministrata dallo Spirito Santo attraverso Gesù Cristo.
Direte: "Non ho doni naturali". Allora ricevete quelli soprannaturali. Lo Spirito Santo è promesso a ogni credente in modo che possa ottenere doni soprannaturali che lo qualificheranno per il servizio particolare a cui Dio lo chiama. Lo Spirito Santo "distribuisce i Suoi doni a ciascuno in particolare come vuole" (1 Corinzi 12:11). La potenza di Dio può essere in noi se soltanto la cerchiamo con la preghiera in ogni parte del servizio al quale Dio ci chiama.

Sei una madre o un padre? Desideri la potenza di Dio per allevare i tuoi figli "nella disciplina e nell'istruzione del Signore"? Dio vi comanda di farlo e in particolare comanda ai padri di farlo. Dio dice in Efesini 6:4: "Voi, padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell'istruzione del Signore".

Ora, Dio non ci comanda mai l'impossibile, e se Egli comanda a noi padri, e anche alle madri, di crescere i nostri figli nella disciplina e nell'istruzione del Signore, vuol dire che è possibile per noi fare ciò. Se uno dei tuoi figli non è salvato, il primo responsabile sei proprio tu. Paolo disse al carceriere in Filippi: "Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia" (Atti 16:31).

Si, è il compito solenne di ogni padre e di ogni madre far sì che tutti i loro figli siano salvati. Ma non potremo mai ottenere questo, a meno che non preghiamo a lungo Dio che infonda la Sua potenza in noi. Nel mio primo pastorale, un membro della mia chiesa era una ottima donna Cristiana, che aveva però un figlioletto di sei anni che era uno dei bambini più terribili che io abbia mai incontrato in vita mia. Era il terrore della comunità. Una domenica, alla chiusura del servizio della mattina, sua madre venne da me e mi chiese: "Conosci ... ?" (chiamando il suo bambino per nome).

"Si", risposi, "lo conosco". Tutti in città lo conoscevano. "So che non è un bambino molto tranquillo". Era decisamente un modo eufemistico di parlarne.

Allora questa madre con cuore aggravato disse: "Cosa devo fare?".

Risposi: "Hai provato a pregare?".

"Come", disse lei, "ovviamente io prego".

"Oh", dissi, "non è quello che intendevo. Hai mai chiesto con decisione a Dio di rigenerare il tuo bambino, confidando che Lui lo facesse?".

"Non credo di essere mai stata così decisa".

"Bene", dissi, "vai a casa e prega con questa fermezza".

Ella andò a casa e pregò con fede, e penso che fosse proprio da quello stesso giorno, o comunque certamente da quella settimana in poi, che il bambino cambiò e crescendo divenne un ottimo ragazzo.

Oh, madri e padri, è vostro privilegio che ciascuno dei vostri figli sia salvato. Ma vi costerà qualcosa. Costa passare molto tempo da soli con Dio, pregando con fede, e costa anche fare quei sacrifici e raddrizzare quelle cose nella vostra vita che sono sbagliate; costa adempire le condizioni per una preghiera vittoriosa.
E se qualcuno tra voi ha dei figli che non sono salvati, quando tornerete a casa oggi state da soli con Dio e chiedeteGli di mostrarvi che cosa nella vostra vita è causa della condizione attuale dei vostri figli. Raddrizzate subito quelle cose, e quindi inginocchiatevi da soli davanti a Dio ed elevate a Lui una preghiera sincera e fervente per la conversione di ciascuno dei vostri figli. Non datevi riposo fino a quando, con la preghiera e con ogni diligenza e sforzo da parte vostra, saprete con certezza che tutti i vostri figli sono davvero convertiti e nati di nuovo.

Sei un insegnante della scuola domenicale? Desideri vedere tutti i tuoi scolari convertiti? Questo è il motivo principale per cui tu sei un insegnante della scuola domenicale, non solo per insegnare la storia o la geografia della Bibbia, o la dottrina biblica, ma per far sì che i tuoi studenti siano tutti salvati. Vuoi potenza dall'alto per renderti in grado di compiere il tuo dovere? Chiedila a Dio.


Esempi Della Potenza di Dio Evidente Nella Preghiera

Quando il signor Alexander e io tenevamo raduni a Sydney, in Australia, gli incontri si tenevano nel Municipio, che disponeva di circa cinquemila posti a sedere. Ma in alcuni giorni la folla fu così numerosa che dovemmo dividerli chiedendo alle donne di venire la mattina e agli uomini di venire la sera. Una domenica pomeriggio, il Municipio di Sydney era affollato di donne. Quando chiesi ai presenti chi volesse accettare Gesù Cristo come loro Salvatore personale, arrendendosi a Lui come loro Signore e Maestro, confessandoLo come tale davanti al mondo, e sforzandosi di vivere da quel momento in poi per piacerGli in ogni cosa giorno per giorno, sulla mia sinistra si alzò una fila di diciotto giovani donne di circa vent'anni d'età. Vedendole stare fianco a fianco, dissi a me stesso: "Devono essere studenti della classe biblica di qualcuno". In seguito esse vennero avanti con altre donne che erano venute a confessare pubblicamente di aver accettato Gesù Cristo. Quando l'incontro fu terminato, una giovane venne da me, con un grosso sorriso sul volto, e mi disse: "Quella è la mia classe biblica. Ho pregato per la loro conversione, e ognuno di loro oggi ha accettato Gesù Cristo".

Quando tenevamo raduni a Bristol, in Inghilterra, un noto fabbricante, di Exeter, aveva una classe biblica di ventidue uomini. Li invitò tutti ad andare a Bristol con lui per sentirmi predicare. Ventuno di essi acconsentirono. A quella riunione venti di essi accettarono Cristo. Quell'uomo stava pregando per la conversione dei membri della sua classe ed era disposto a fare i sacrifici necessari perché le sue preghiere ottenessero risposta. Il risveglio giungerebbe presto qui in questa città, se ogni insegnante della scuola domenicale si disponesse a pregare nel modo dovuto, per la conversione di ogni scolaro della propria classe!

Sei un predicatore, impegnato nell'opera pubblica, o parli da una posizione pubblica? Desideri potenza in quell'opera? Chiedila.

Oh, fratelli e sorelle, in queste tre giorni della preghiera e digiuno, se passassimo più tempo in preghiera, e nello studio della parola di Dio ci sarebbero ancora giorni di potenza, miracoli evidenti, segni e prodigi in 2012 !!!

 

Buon Digiuno!

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 29 Dic. 2011

Posted by Blw Ce.Bari Dec 29, 2011

Gesù: La Rivelazione Dell’Amore Di Dio · GIOVEDÌ, 29 DICEMBRE ·

 

PASTORE  ANITA

2ANITA.jpg
Per la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo (In Giovanni 1:17).

 


I figli di Israele erano soltanto a conoscenza degli atti di Dio e quindi lo conoscevano solo come un Dio di giudizio. Essi non lo conoscevano come amorevole Padre celeste, la cui natura è l’amore. Essi lo percepivano come un giudice del terrore che alla minima provocazione riversa la sua ira senza pietà. Ma Dio non è così. Egli è amore. Gesù ha detto che chi ha visto Lui, ha visto il Padre (Giovanni 14:9). Egli è venuto per rivelare il Padre a noi, e Gesù era l’incarnazione e l’espressione dell’amore, quando Egli camminava sulla terra.

Nell’Antico Testamento, Dio si relazionava con i figli di Israele attraverso leggi e precetti. Tuttavia, essi non potevano obbedire alle Sue leggi e dovettero affrontare le conseguenze derivanti. Siano rese grazie a Dio, in Giovanni 1:17, la Bibbia dice "Perché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo." Quando Gesù è venuto, come Egli camminò per le strade della Galilea, toccava tutti con L’amore di Dio. Anche i peggiori delinquenti, compresi quelli che Lo hanno ingiustamente perseguitato non sono stati lasciati fuori. Li ha toccati tutti con l’amore di Dio.

Tutto ciò che Gesù fece quando camminava sulla terra fu ispirato dall’amore. Egli era l’amore in azione. I miracoli che ha compiuto, i contenuti e lo stile della Sua comunicazione, e le Sue azioni erano tutte espressioni del Suo amore. Anche quando era arrabbiato, Egli si espresse con amore. Era la rivelazione dell’amore di Dio. Fai di questo anche la tua  testimonianza. Lascia che quelli intorno a te vedano Gesù nei tuoi occhi. Mostra loro quel vero amore divino che nessuno può negare.

Rendi le festività perfette per coloro che Dio porterà nella tua strada in questa stagione, vivendo l’esperienza dell’amore di Dio attraverso di te. 1 Giovanni 4:8 dice: "Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore." Fa’ sì che l’amore sia la bandiera che vola in alto dal castello del tuo cuore questo Natale. Parla l’amore, e agisce nell’amore.  Sii conosciuto come un uomo o una donna d’amore.

Preghiera

Signore Gesù, Ti ringrazio per averci mostrato la vera natura del Padre, che è l’Amore. Il Tuo amore si esprime attraverso di me al mondo di oggi, nel mio stile e la modalità di comunicazione, nelle mie azioni. Colgo l’amore di Dio che è stato riversato nel mio cuore per mezzo dello Spirito Santo. Alleluia!


ULTERIORI STUDI: 2 Corinzi 13:14; 1 Corinzi 13:8

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Zaccaria 12-14;Apocalisse di Giovanni 20

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Atti degli apostoli 5:1-11; Esdra 8

Blw  Ce.Bari

ROR English 29 Dec. 2011

Posted by Blw Ce.Bari Dec 29, 2011

Jesus: The Revelation Of God’s Love · THURSDAY, DECEMBER 29TH ·

Pastor Anita

For the law was given by Moses, but grace and truth came by Jesus Christ (John 1:17).

 

Pastor Anita

The children of Israel were only acquainted with the acts of God and hence only knew Him as a God of judgment. They weren’t acquainted with Him as a loving heavenly Father, whose nature is love. They perceived Him as a terror-judge who at the slightest provocation pours out His wrath without mercy. But God is not that way. He is love. Jesus said anyone who had seen Him, had seen the Father (John 14:9). He came to reveal the Father to us, and Jesus was the embodiment and  expression of love when He walked the earth.

In the Old Testament, God related with the children of Israel through laws and commandments. However, they couldn’t obey His statutes and had to face the resultant consequences. But thanks be unto God: In John 1:17, the Bible says "For the law was given by Moses, but grace and truth came by Jesus Christ." When Jesus came, as He walked the streets of Galilee, He touched everyone with God’s love. Even the worst offenders, including those who unjustly persecuted Him were not left out. He touched them all with God’s love.

Everything Jesus did when He walked the earth was love-inspired. He was love in action. The miracles He performed, the contents and style of His communication, and His actions were all an expression of His love. Even when He was angry, He expressed it in love. He was the revelation of God’s love. Make this your testimony too. Let those around you see Jesus in your eyes. Show them that unfeigned divine love no one can deny.

Make it the perfect yuletide for those God will bring your way this season, as they experience God’s love through you. 1 John 4:8 says "He that loveth not knoweth not God; for God is love." Let love be the flag flown high from the castle of your heart this Christmas. Talk love, and act love. Be known as a man or woman of love.

Prayer

Lord Jesus, thank you for showing to us the true nature of the Father, which is Love. Your love is expressed through me to the world today; in my style and mode of communication, and in my actions. I take advantage of the love of God that has been shed abroad in my heart by the Holy Spirit. Hallelujah!

FURTHER STUDY: 2 Corinthians 13:14; 1 Corinthians 13:8

Daily Scripture Reading

1 Year Reading Plan : Revelation 20; Zechariah 12-14

2 Year Reading Plan : Acts 5:1-11; Ezra 8

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 28 Dic. 2011

Posted by Blw Ce.Bari Dec 28, 2011

Il Cristianesimo è Per Chi parla · MERCOLEDÌ, 28 DICEMBRE  ·

 

PASTORE CHRIS

...Perché egli ha detto, io non ti lascerò e non ti abbandonerò. Così che possiamo dire con fiducia... (Ebrei 13:5-6).

 

Pastor Chris

Alcuni dei successi notevoli nel nostro ministero che vediamo oggi sono il risultato delle confessioni che abbiamo fatto molti anni fa, e stiamo ancora parlando. Stiamo continuando a creare nuove realtà per l’oggi e il futuro con la Parola della fede nelle nostre bocche. Questo perché siamo giunti a comprendere il cristianesimo come "la grande confessione." Nessuno può vivere una vita cristiana di successo essendo un "credente tranquillo." Con questo voglio dire credere senza parlare. È necessario tradurre il tuo credo in fede "parlando" ciò che credi.

 

Alcuni addirittura pensano di poter pregare, cantare o svolgere attività spirituali solo attraverso il pensiero nelle loro menti. No. La vita cristiana è vissuta dalle parole, è per chi parla. Ora, questo non ha nulla a che fare con l’essere chiacchierone od essere loquace, mi riferisco a parlare il Verbo. Non basta credere. Né è scritturale pregare nella tua mente. Devi parlare, e dire le parole giuste. Gesù disse in Matteo 12:37, "poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato."

In Marco 11:23, ha di nuovo premiato il parlare quando disse: "Poiché in verità vi dico che chiunque dirà a questo monte: Sii tu rimossi e gettati in mare, e non dubitare in cuor suo, ma crede che quelle cose che egli dice avverrà, egli avrà qualunque cosa dice." L’insistenza della Scrittura sulla dichiarazione, la confessione, annunciare o parlare quello che si crede viene ulteriormente amplificata per noi in Romani 10:9-10: "Che se tu confessi con la tua bocca il Signore Gesù, e credi nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato."

Le tue confessioni creano le realtà. Quando Gesù insegnò ai Suoi discepoli sulla fede, come leggiamo in Marco 11:23 sopra, Egli ha posto molta enfasi sul "dire", indicando il ruolo vitale del "parlare" nella nostra vita di cristiani. Per vivere una vita cristiana efficace, bisogna mettere la Parola di Dio sulle labbra: è la ricetta di Dio per il successo, come rivelato in Giosuè 1:8: "Non si allontani dalla tua bocca il libro di questa legge, ma mèditalo giorno e notte, perché tu cerchi di agire secondo quanto vi è scritto; poiché allora tu porterai a buon fine le tue imprese e avrai successo."

Ogni giorno, pronuncia le parole coerenti con le disposizioni divine di Dio, i Suoi piani e scopi per la tua vita. Puoi parlare la tua via d’uscita da ogni situazione, e parlarti fino ad arrivare in cima! Il potere è nella tua bocca (Proverbi 18:21).

Confessione

La Parola di Dio è nel mio cuore e nella mia bocca oggi, che brucia sulle mie labbra, e prevale appena io la dichiaro. La mia vita è una testimonianza della Tua grazia, amore e misericordia, perché la Tua Parola buona ed eterna si adempie in me sempre e per sempre, nel nome di Gesù. Amen.


ULTERIORI STUDI: Giosuè 1:8; Segna 11:23

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Apocalisse di Giovanni 19:11-21; Zaccaria 9-11

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Atti degli apostoli 4:23-37; Esdra 7

Blw  Ce.Bari

ROR Italiano 27 Dic. 2011

Posted by Blw Ce.Bari Dec 27, 2011

Che Cosa Puoi Vedere? · MARTEDÌ, 27 DICEMBRE  ·

 

PASTORE CHRIS

Allora il Signore disse ad Abram, dopo che Lot si era separato da lui: "Alza gli occhi e dal luogo dove tu stai spingi lo sguardo verso il settentrione e il mezzogiorno, verso l’oriente e l’occidente. Tutto il paese che tu vedi, io lo darò a te e alla tua discendenza per sempre (Genesi 13:14-15).

 

Pastor Chris

Quando il Signore disse ad Abramo di alzare gli occhi e guardare, nella scrittura sopra, egli non si riferiva agli occhi fisici dell’uomo, ma agli occhi del suo spirito. Dio gli disse che tutta la terra che poteva "vedere" era sua, ora dipendeva da Abramo decidere quanto voleva vedere. Essendo un uomo di fede, ha guardato dal suo spirito e vide il mondo intero. La Bibbia dice: "Non infatti in virtù della legge fu data ad Abramo o alla sua discendenza la promessa di diventare erede del mondo, ma in virtù della giustizia che viene dalla fede" (Romani 4:13). Abramo è diventato l’erede di tutto il mondo per mezzo della fede.

Ora, non è la fine della storia. La Bibbia dice: "Così, quelli che hanno la fede vengono benedetti col credente Abramo" (Galati 3:9). Anche tu come Abramo sei l’erede di tutto il mondo: "E se siete di Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa" (Galati 3:29). Non c’è da stupirsi che la Bibbia affermi che Dio ti ha dato tutto il necessario per la vita e la pietà (2 Pietro 1:3). Tuttavia, potrai godere di ciò che hai preso possesso con la fede, quello che il tuo spirito ha abbracciato. Quindi tocca a te! Tutto quello che possono vedere i tuoi occhi, questo è ciò che il Signore ti ha dato in eredità.

 

La domanda allora è: "Che cosa vedi?" Per quanto riguarda il prossimo anno, per esempio, che cosa vedi? Puoi vedere te stesso fare progressi? Riesci a vederti camminare in salute, prosperità, gioia e pace? Devi avere modo di vederlo, perché questa è la chiave. Vedi te stesso camminare nelle meravigliose benedizioni di Dio nel prossimo anno.

Mentre digiuni e preghi per il prossimo anno, vedi te stesso fare progressi senza precedenti in ogni area della tua vita. Vedi Dio portarti di gloria in gloria. Forse stavi pregando e chiedendo al Signore un bambino, vedi quel bambino con il tuo spirito prima. Qualunque cosa di cui hai preso possesso dall’interno, certamente si manifesta  nel fisico.

Inizia a praticare come fare a vedere dal tuo spirito, perché è nel tuo spirito dove sta la luce di Dio. Dio non funziona nel regno della mente e dei sensi. Se hai intenzione di usufruire di tutti i meravigliosi benefici della salvezza che Dio ha in serbo per te, allora devi vedere con gli occhi  della fede e dichiarare ciò che vedi.


Confessione

Dichiaro che sto vivendo nell’abbondante salute divina, assoluta prosperità, successo senza fine, gioia e pace indescrivibile oggi. Mentre guardo al prossimo anno con i miei occhi di fede, mi vedo camminare nella gloria di Dio e vivere nel progresso e nel successo senza precedenti, nel Nome di Gesù. Amen.


ULTERIORI STUDI: Genesi 15:5; 2 Corinzi 5:7

LETTURA QUOTIDIANA DELLA SCRITTURA

Guida di 1 anno per leggere la Bibbia : Apocalisse di Giovanni 19:1-10; Zaccaria 7-8

Guida di 2 anni per leggere la Bibbia : Atti degli apostoli 4:13-22; Esdra 6

Blw  Ce.Bari

ROR English 27 Dec. 2011

Posted by Blw Ce.Bari Dec 27, 2011

What Can You See? · TUESDAY, DECEMBER 27TH ·

 

Pastor Chris

And the LORD said unto Abram, after that Lot was separated from him, Lift up now thine eyes, and look from the place where thou art northward, and southward, and eastward, and westward: For all the land which thou seest, to thee will I give it, and to thy seed forever (Genesis 13:14-15).

 

Pastor Chris

When the Lord told Abraham to lift up his eyes and look, in the scripture above, He wasn’t referring to the man’s physical eyes, but to the eyes of his spirit. God told him all the land he could "see" was his; it was now up to Abraham to decide how far he wanted to vsee. Being a man of faith, he looked from his spirit and saw the whole world. The Bible says "For the promise, that he should be the heir of the world, was not to Abraham, or to his seed, through the law, but through the righteousness of faith" (Romans 4:13). Abraham became the heir of the whole world by faith.

Now, that’s not the end of the story. The Bible says "So then they which be of faith are blessed with faithful  Abraham" (Galatians 3:9). You’re as much the heir of the whole world as Abraham: "And if ye be Christ’s, then are ye Abraham’s seed, and heirs according to the promise" (Galatians 3:29). No wonder the Bible declares that God has given you everything you require for life and godliness (2 Peter 1:3). However, it’s that which you’ve taken possession of by faith, that which your spirit has embraced, that you can enjoy. So it’s up to you! As far as your eyes can see, that’s what the Lord has given to you for an inheritance.

The question then is, "What do you see?" Concerning the coming year, for example, what do you see? Can you see yourself making progress? Can you see yourself walking in health, prosperity, joy and peace? You’ve got to see it, for that’s the key. See yourself walking in the wonderful blessings of God in the coming year.

As you fast and pray about the coming year, see yourself making unprecedented progress in every area of your life. See God taking you from glory to glory. Perhaps you’ve been praying and asking the Lord for a child, see that child with your spirit first. Whatever you’ve taken possession of from within, will certainly manifest in the physical.

Start practising how to see from your spirit, for your spirit is where the light of God is. God doesn’t function in the realm of the mind or senses. If you’re going to enjoy all the wonderful benefits of salvation God has in store for you, then you’ve got to see with the eyes of faith and speak forth what you see.

Confession

I declare that I’m living in divine health, absolute prosperity, unending success, abundant joy and indescribable peace today. As I look into the coming year with my eyes of faith, I see myself walking in the glory of God and experiencing unprecedented progress and success, in Jesus’ Name. Amen.

FURTHER STUDY: Genesis 15:5; 2 Corinthians 5:7

Daily Scripture Reading

1 Year Reading Plan : Revelation 19:1-10; Zechariah 7-8

2 Year Reading Plan : Acts 4:13-22; Ezra 6